Émissions Toutes les émissions

Masai

Masai: Ultimu tangò à u Gigliu

Podcasts :

Ci hè qualcosa chì muca

È u Costa Concordia, quantunque, incagliatu nant’à e teppe di l’isula di u Gigliu, cum’una qualunque merda arecata da i currenti marini...

Averà riesciutu à discità quella vechja frebba di i fanghi rossi. Vi ne ricurdate? Ma per avà, solu i Bastiacci è i Capicursini sò tocchi da issa tentativa di mubbilisazione, contru à un novu periculu ambientale venutu da l’Italia. Giacobbi, a Cullettività Territuriale, si stanu zitti. A ministra Francese Segolene Royal, hà da vene à fà a fiera quì, per difende a Corsica, circhendu di fà dimenticà i sciambuloni murtali minati da u guvernu, di u quale face parte.

Anu ragiò, quelli chì volenu parà u nostru circondu maritimu da e tragedie eculogiche. Ma, s’omu circasse u pelu in l’ovu, in issu tangò eculogicu trà Segolene è i Corsi, ci hè un qualcusella chì muca.

13 ghjennaghju 2012, versu ottu ore di sera, un attimu prima di u basgiu murtale, era tamantu battellone tranquillu, u Costa Concordia. Sculisciava à filu d’acqua, illuminatu, carcu di vechjetti in short.

Da u molu di u portu di u Gigliu, una manata d’isulani si gudia u spetaculu di a nave bianca infanalata. Sentianu l’echi di a musica sunata da un orchestra pulunese, in u salone principale di u battellone. U viulunistu era attempatu quant’è i crucieristi, ch’avianu e schinche sticchite, fendu e ballate di i tempi di giuventù. Ma incù i dui bloody mary in u nasu, cumpresi in u prezzu, a rughjine in l’osse ùn la sentianu più. U viulunistu pulunese ellu, ùn avia dirittu ch’à una buttiglina d’acqua frizzente. U dulore in i rotuli frusti di e dinochje, ellu u sentia, sunendu a partizione di Adios Muchachos.

Ottu ore è vinti, un quartu d’ora di sosta. U viulunistu si n’hà falatu e so pene articulari in a so cabbina di u ponte suttanu.

In issu mentre, nant’à a passarella, u cumandante vestutu di biancu, da l’ordine di trincà à tribbordu è d’avvicinassi di più da a sponda, perchì u populu di terra ferma abbia u so contu di meraviglie.

Ottu ore è mezu. U viulunistu pulunese in a so cabbina, quasi in fondu di stiva, fideghja u so rillogiu. Li ferma cinque minuti prima di ripiglià e valse di Strauss. Viderà tandu si e medicine anu fattu effettu o nò. Venia d’arizzassi, quandu in un bottu terribbile, cum’una cannunata mischiata à un rimore acutu di tola chì strufina, u battellu s’hè piantatu seccu.

U lindumane à sera, i succorsi l’anu trovu, u viulunistu pulunese. Ma e dinochje ùn li sentianu più. 

Masai: Ultimu tangò à u Gigliu